La Disinformazione ed il Dimagrimento – Storia Senza Morale


– Maria (nome di fantasia), cosa vorresti per il tuo compleanno?
– Dimagrire, sicuramente.
– In che modo, Maria?
– Qualunque.

Qualunque.
Qualunque.
Qualunque.
Girando per vari siti web ho capito il reale significato della parola “qualunque” che per alcune ragazze molto giovani può voler dire “anche a costo di uccidersi”.

Il primo caso che voglio portare ad esempio è quello dei blog “Pro-Ana” o “Pro-Mia” presenti in rete che sponsorizzano, in ordine, anoressia e bulimia, disagi mentali gravi che possono portare a serie conseguenze per l’organismo ed, addirittura, alla morte.
Osservando questo link, ad esempio, è possibile leggere un intero post a favore della “scelta bulimica” al fine di dimagrire:

“..Prima di vomitare,legati i capelli.

Eventuali tracce di vomito nei capelli sono per gli altri un segnale inequivocabile di quello che fai…”

Tira lo sciacquone almeno 2 volte dopo aver vomitato, onde evitare che qualcosa resti a galleggiare nel water, e quindi che venga visto dalla persona che userà il bagno dopo di te. E apri la finestra, così da cancellare eventuali odoriomita nella doccia, o apri la doccia, in modo da attutire gli eventuali rumori.

Non mangiare nè bere niente di rosso: in molti casi può capitare di vomitare sangue, quindi non si può stabilire quando si tratta di una cosa seria o quando è semplicemente dovuto a ciò che si è ingerito.

Bevi acqua a litri. L’acqua frantuma il cibo e aiuta a vomitare con più facilità e rapidità.

Prediligi cibi morbidi: si vomitano con più facilità. Usa uno spazzolino da denti per provocarti il vomito, per evitare di sfregare o corrodere le dita.

Appallottola una bella manciata di carta igienica e posala sul fondo del water: oltre a cancellare i rumori, eviterà gli schizzi di rimbalzo…”

Questo uno dei punti più sconvolgenti del racconto di una ragazza che si firma con il nome di “Terry” ripreso dal blog dello psicanalista Fabio Piccini.
Un altro blog noto in rete è “Perfect Body Goals“, che sponsorizza diete Pro-Ana a basso apporto calorico (Massimo 500 calorie, al di sotto di quelle consigliate dalle diete ipocaloriche).

Questo il post introduttivo:

“…Quindi non pensate che io segua questi ‘consigli’ solo per dimagrire. Li seguo perchè mi aiutano a NON mangiare. O a mangiare il meno possibile (Es. una volta al giorno)

BENE. E ORA ECCO I CONSIGLI. 😀

1) Appena ti svegli la mattina non mangiare. Se proprio senti il bisogno di ingurgitare qualcosa opta per il caffè Americano. (Io lo imito prendendo una tazza d’acqua e ci metto un cucchiaino emmezzo di Caffè Istantaneo)
2) Se non mangi a colazione e vai avanti così, non sentirai alcun dolore allo stomaco perchè questo non è ancora stato ‘aperto’, ma è ancora ‘chiuso’. (Di solito i crampi mi vengono la sera)
3) Quando hai dolori allo stomaco accovacciati e passeranno.
4) Bevi tantissima acqua. Anche se ti stai per sentire male, aspetta cinque minuti e poi ricomincia a bere. (Dopo un po’ di giorni che lo facevo ne sentivo sempre più il bisogno. Quindi, diventa una cosa naturale continuare a bere. RESISTI, SO CHE CE LA PUOI FARE.)
5) La mattina appena sveglia (se scegli di bere invece che stare a digiuno), prima del Caffè, bevi un bicchiere d’acqua calda con il limone. Vi passerà la fame oltre che vi depurerà.
6) Se ti obbligano a mangiare hai due possibilità: -Mastichi ogni boccone a lungo. Fallo diventare una poltiglia e poi bevi tra un boccone e l’altro. Ti sazierai più velocemente e perderai tempo.
-Oppure, senza farti vedere butti via il cibo.
7) Se hai fame bevi.
8)Quando senti il bisogno di abbuffarti o semplicemente di mangiare prendi un elastico e mettilo al polso: tiralo quando avrai fame. (Questo, ovviamente, dovrai farlo SOLO se ti senti in colpa a mangiare. Ma a mangiare qualsiasi cosa… Frutta e verdura comprese! Se i sensi non ci sono, mangia pure.Non superare le Kcal giornaliereperò!)
9) Esci di casa il più possibile, buttati sullo studio, fai addominali, esci a camminare… Fai di tutto per tenerti occupata e per non pensare al cibo.
10) NON fare assolutamente troppo esercizio fisico. E’ vero, fa dimagrire e rassoda, ma se esageri ti porterà alla fame e più andrai avanti e più ogni giorno ti aumenteranno i muscoli. Massa muscolare tonica e definita, OK, ma NON esagerare. Non vorrai sembrare una Culturista!?..”

E’ brutto, oltre che il blog, leggere alcuni commenti (come ad esempio quello che posto qui sotto) di ragazzine molto giovani che tentano di diventare anoressiche come fosse una scelta di vita e non un disturbo mentale:

“…Ciao kim, sono Elisa e sono 163 cm per 45 kg ma voglio arrivare a 40 prima dell’inizio della scuola.. 🙂 ho la mail e whatsapp 🙂 possiamo farci forza assieme, ci stai?…”

Altra tecnica molto diffusa per dimagrire è quella di assumere farmaci a base di ormoni come ad esempio la “Tiroxina”, farmaco utilizzato nel trattamento dei disturbi tiroidei come l’ipotiroidismo.

Molte persone, invece, utilizzano o propongono di utilizzare questo farmaco per dimagrire (sfruttando l’accelerazione di metabolismo).

Questa pratica è dannosa per l’organismo?
ASSOLUTAMENTE SI!

Come precisato qui
“L’utilizzo di eutirox per dimagrire non è scevro da rischi; dosi eccessive possono provocare tachicardie, dolore anginoso,tremori, crampi della muscolatura scheletrica, vampate di calore, diarrea, nausea,aritmie ed insonnia. L’abuso cronico del farmaco, inoltre, può alterare in modo permanente la funzionalità della tiroide, trasformando una persona sana in una persona malata”

Alcune persone, però, nonostante i danni possibili (danni tiroidei anche molto seri), continuano a pensare che dimagrire sia più importante dei possibili effetti colleraterali come visibile qui o qui.

Preoccupante, oltretutto, è il fatto che alcune Farmacie vendano Eutirox che sarebbe acquistabile solo previa presentazione di una ricetta medica!

Per quale motivo non è possibile pensare di dimagrire attraverso una dieta ipocalorica “regolare”?

Il nostro organismo, in fondo, è come una macchina ed il metabolismo basale è la “benzina” che serve per fare brevi giri in città (respirare, digerire, battito cardiaco ecc.ecc.). Più attività fisiche si fanno e più è necessario assumere calorie (come se si dovesse fare un viaggio più lunghe).
Una alimentazione ipercalorica può portare ad ingrassare in quanto vengono assunte troppe calorie per il semplice metabolismo basale e le stesse, dunque, vengono “accumulate” sotto forma di grasso.
Una alimentazione non regolare ipocalorica (ad esempio quella sopra propagandata di massimo 500 calorie giornaliere) , invece, porta l’organismo a “bruciare” tutte le riserve (grasso e massa muscolare) per il metabolismo basale e dunque la sopravvivenza.

Molte persone, dunque, vorrebbero dimagrire “più in fretta” e dunque fanno scelte sbagliate come ad esempio quella propagandata da libri anche molto diffusi come “China Study” o da siti web disinformativi.
Insomma, se volete davvero dimagrire andate da un dietologo o da un nutrizionista e fatevi consigliare una dieta adatta al vostro organismo! NO al Fai da te!

 

Dittatura Gender, Coccodrilli a New York e Scie Chimiche – Storie di Invenzioni (non) casuali


Messaggio ai moralisti spaventati dal ‪#‎LoveWins‬:

Da oggi, negli USA, non saranno/sarete costretti a sposare un omosessuale. Lo faranno loro, non voi. Nessuno vi obbliga, nessuno vi costringe, nessuno vi violenta. Gli omosessuali si sposeranno fra loro se lo vorranno e voi, normalmente, continuerete a fare la vostra vita e, magari, inizierete a farvi un minimo di cazzi vostri.

Ecco, non potevo che iniziare un articolo con questa frase che rappresenta, in pieno, il mio pensiero sul pieno riconoscimento dei diritti civili per la categoria LGBT. Una attenta analisi razionale, infatti, porta alla conclusione che, se due omosessuali si sposano, la vita degli eterosessuali non cambia assolutamente. Perché protestare, dunque?
In ambienti fondamentalisti cattolici ed iper-conservatori si è diffusa l’idea della presenza di una “dittatura gender”. Avete presente la storia dei coccodrilli nella metro di New York (Chi non conosce questa leggenda può andare qui)? Ecco, la teoria della “dittatura gender” è una leggenda metropolitana senza delle basi razionali.

Per sbugiardare in maniera chiara questa leggenda è necessario leggere un testo sul “gender” dell’AIP (Associazione Italiana di Psicologia) che potete trovare qui.
Come è possibile vedere il testo inizia così:

“..Oggi si assiste all’organizzazione di iniziative e mobilitazioni che, su scala locale e nazionale, tendono a etichettare gli interventi di educazione alle differenze di genere e di orientamento sessuale nelle scuole italiane come pretesti per la divulgazione di una cosiddetta “ideologia del gender”. L’AIP ritiene opportuno intervenire per rasserenare il dibattito nazionale sui temi della diffusione degli studi di genere e orientamento sessuale nelle scuole italiane e per chiarire l’inconsistenza scientifica del concetto di “ideologia del gender”. Esistono, al contrario, studi scientifici di genere, meglio noti come Gender Studies che, insieme ai Gay and Lesbian Studies, hanno contribuito in modo significativo alla conoscenza di tematiche di grande rilievo per molti campi disciplinari (dalla medicina alla psicologia, all’economia, alla giurisprudenza, alle scienze sociali) e alla riduzione, a livello
individuale e sociale, dei pregiudizi e delle discriminazioni basati sul genere e l’orientamento sessuale..”


L’ideologia “gender”, dunque, non esiste mentre esistono i “gender studies”, cioè gli studi scientifici di genere che permettono di analizzare le tematiche relative alle “differenze di genere” al fine di evitare pregiudizi e discriminazioni basati sul genere e l’orientamento sessuale.

Con la frase “..L’AIP riconosce la portata scientifica di Gender Studies, Women Studies, Lesbian and Gay Studies e ribadisce l’importanza della diffusione della cultura scientifica psicologica per la crescita culturale e sociale del nostro paese..” oltretutto, l’AIP specifica come siano fondamentali, nel XXI Secolo, gli stessi studi di genere.

Per quale motivo, allora, si continua a parlare di “dittatura gender” e di “ideologia del gender” nonostante studi gli studi psicologici siano completamente differenti?

Leggiamo un punto del manifesto di “La Manif Pour Tous”, associazione nata con l’obiettivo di “preservare l’unicità del matrimonio tra uomo e donna e il diritto del bambino ad avere un padre ed una madre”:

“..Queste teorie (gender) nascono nell’ambito dei movimenti ideologici femministi per contestare il sistema tradizionale di considerazione socialedella donna, a tratti decisamente discriminatorio. Col tempo però le teorie di genere, che intanto vengono fatte proprie dai movimenti gay, arrivano ad immaginare la società ideale come quella in cui l’eguaglianza tra le persone può essere attuata solamente riconoscendo nel “sesso” una mera convenzione sociale, costruita attraverso l’imposizione di regole e norme esterne, che obbliga le persone a vivere “da maschio” o “da femmina”, come se questi modi di essere avessero un reale fondamento naturale – fondamento che le teorie di genere negano..”


Da dove l’organizzazione stessa prende le informazioni? Ovviamente non si sa.
Non esistono, infatti, “gender theory” ma solamente “gender studies” come specificato dall’associazione italiana di Psicologia.

La stessa organizzazione “Le Manif Pour Tous”, ovviamente, contrasta anche le unioni omosessuali e l’adozione per coppie dello stesso sesso adducendo i seguenti motivi:

“..Il “matrimonio” omosessuale e l’accesso all’adozione e alla procreazione assistita da parte di coppie formate da persone dello stesso sesso, previsti dalla proposta di legge, rendono possibile l’omogenitorialità, di per sé innaturale.

L’omogenitorialità scardina la genealogia e confonde le proprie origini e radici storico-familiari, e priva inoltre il bambino del riferimento genitoriale maschile o di quello femminile, facendogli mancare quella complementarietà genitoriale che è invece indispensabile alla formazione dell’identità personale.

Tutto ciò è profondamente discriminatorio e ingiusto per i bambini.

Proteggere l’unicità del matrimonio fra un uomo e una donna non nega alle persone con tendenze omosessuali alcuno dei diritti individuali già oggi riconosciuti: non sono tali diritti ad essere in gioco, ma il concetto di famiglia, sulla quale si fonda la solidità tanto dell’identità personale quanto del tessuto sociale..”


L’organizzazione, però, non sa che la ricerca scientifica in merito dimostra che né i matrimoni omosessuali né le adozioni per coppie dello stesso sesso (dobbiamo specificare, però, che i due aspetti non sono obbligatoriamente collegati) penalizzino la famiglia tradizionale.
Da un punto di vista scientifico, infatti, come specificato dall’APA (American Psychological Association) “Empirical research demonstrates that the psychological and social aspects of committed relationships between same-sex partners largely resemble those of heterosexual partnerships”.


Sulle adozioni, oltretutto, la stessa APA ha precisato ciò: “..le ricerche di questi 30 anni hanno consistentemente dimostrato che i bambini cresciuti da gay o lesbiche hanno lo stesso livello di funzioni emozionali, cognitive, sociali e sessuali dei bambini con genitori eterosessuali. Le ricerche indicano anche che lo sviluppo ottimale per i bambini non si basa sull’orientamento sessuale dei genitori, ma sulla presenza di figure stabili, impegnate e in grado di educare..”


Le Manif Pour Tous (a cui si ispirano anche le italianissime “Sentinelle in Piedi”), dunque, a quali ricerche scientifiche si ispirano? Dobbiamo precisare loro che, secondo i manuali di psicologia, l’omosessualità NON è una patologia già da parecchi anni.
Non sarà che gli aderenti a MPT siano stati “scongelati” nel 2015 direttamente dal Medioevo?

Per concludere, comunque, è necessario ripetere che LA TEORIA GENDER NON ESISTE (mentre esistono gli studi di genere) così come non esistono i coccodrilli sotto la metro di New York, le scie chimiche, il Nuovo Ordine Mondiale, i Rettiiani, il corpo di Walt Disney ibernato ed Elvis che cammina sottobraccio con Michael Jackson su qualche isola deserta.
Diffidare dalle bufale e dalle truffe è punto fondamentale per una corretta crescita psicologica.

P.s. Vuoi supportare “Rivoluzione Razionale” alla Festa della Rete che si terrà nel settembre a Rimini?
Clicca QUI! 🙂